Tuesday, 1 November 2011

Nikolaos Anastopoulos: dal Partenone al Partenio

Quando fu ingaggiato dall'Avellino per la stagione 1987-88, l'allenatore Luis Vinicio "O'Lione" dichiaro':«Si tratta di un attaccante molto mobile, dotato di grande tecnica e vasta esperienza internazionale. Fara’ sicuramente bene» e La “Gazzetta dello Sport” intitolo' l'articolo: «Scende dall’Olimpo il cannoniere dell’Avellino» ma il virtuoso Nikolaos Anastopulos tutto era tranne che un Dio greco del calcio.

Il nuovo acquisto, venne soprannominato il “Virdis del Partenone” per la sua vaga somiglianza estetica con il noto centravanti sardo ma però la porta non la vedeva come l'attaccante italiano.
Eppure l'attaccante greco, secondo ellenico nella storia della serie A dopo Alfredo Rangona, poche partite col Bari negli anni '40, arrivava ad Avellino con credenziali di tutto rispetto.
Prelevato dall’Olimpiakos Pireo, dopo aver vinto Campionati e Coppe nazionali ed essersi aggiudicato per quattro anni la classifica marcatori dove segnava regolarmente in doppia cifra.

Un attaccante molto tecnico ed abilissimo in elevazione nonostante un fisico non certo imponente, il cui curriculum giustificava i 500 milioni di vecchie lire spese dalla società irpina. Era cosi' popolare in patria che la tv greca si accordò con la Rai per trasmettere tutte le partite dei "Lupi". Sembrava l'inizio di una bella favola che si trasformo' in tragedia greca con il campo che smenti' le buone aspettative ; Nikos in avvio di stagione fu vittima di uno stiramento e quando rientro' non lascio' certo tracce indelebili del suo passaggio, offrendo prestazioni allucinanti riassunte dalla imbarazzanti cifre che seguono: 16 presenze e zero gol. Un pianto greco.
Il mister Bersellini che sostitui' Vinicio lo fece accomodare in panchina, ma non riuscì ad evitare  la retrocessione in Serie B del club irpino chiudendo il campionato al penultimo posto in classifica. 

Rispedito alla “Magna Grecia”, c'e' una leggenda metropolitana secondo cui fece ritorno ad Atene dall’Italia in pedalò, Anastopulos per il trauma subito dall'esperienza italiana perse definitivamente la vena del goleador anche se continuò a giocare ancora per qualche anno in patria.

Fu un calciatore fondamentale per la sua Nazionale, con 72 presenze e 29 gol risulta ancora oggi il miglior cannoniere nella storia della  Grecia. Della serie: se Eupremio Carruezzo andava in Grecia qualche gol in piu' forse lo segnava anche lui.

No comments:

Post a Comment