Sunday, 1 July 2012

Eneas De Camargo: la "Mascotte" Rossoblu

Eneas De Camargo appartiene alla prima ondata di stranieri sconosciuti al grande pubblico calcistico che arrivarono in Italia alla riapertura delle frontiere nel 1980. Lo acquistò il Bologna dalla squadra brasiliana della Portuguesa, ove era considerato uno dei giocatori più rappresentativi, avendo vinto un titolo Paulista nel 1983, realizzando dal 1971 al 1980, 179 gol in 376 partite e vincendo in un anno la classifica marcatori con 46 reti. 

Attaccante più votato alla rifinitura che alla finalizzazione, aveva le sue qualità migliori nella proprietà di palleggio, l’abilità nel dribbling e la capacità di creare varchi per i compagni di reparto con i suoi movimenti offensivi lungo tutto il fronte d’attacco. Questo era l’Eneas ammirato in Brasile, molto diverso però da quello intravisto in Emilia.

Era la seconda punta da schierare al fianco di Salvatore Garritano e dopo un buon inizio di stagione, ebbe difficoltà di adattamento al rigido clima italiano dell'inverno al punto da essere costretto a scendere in campo con guanti, calzamaglia di lana flanella e berretto. Nella partita natalizia di Coppa Italia contro il Novara indossò una tuta completa da Babbo Natale, suscitando simpatie ma anche facili ilarità. Questi accorgimenti non bastarono tuttavia ad evitargli un infortunio che lo costrinse a saltare una dozzina di partite accentuando ulteriormente il suo disagio, già fortemente evidenziato dalla scarsa vita sociale che conduceva a Bologna e dai problemi familiari con la moglie sofferente anche lei della nostalgia del Brasile. Svanita rapidamente l’illusione di avere scoperto un nuovo Pele’, il pubblico del Dall’Ara adottò il brasiliano come una sorta di mascotte. Infatti, nonostante fosse tatticamente indisciplinato, e alternasse giocate sublimi a sciocchezze abnormi, il pubblico si affezionò a lui. Come quella volta che in un Bologna-Torino, semifinale di andata di Coppa Italia, sradicò il pallone dai piedi di un compagno che si trovava solo davanti al portiere avversario, arrivando da dietro come un falco. Fu un gesto poco sportivo ma dopo venne il peggio: Eneas inciampò sulla palla facendola rotolare lentamente oltre la linea di fondo, tra le risate dell’intero stadio.

Giocò in tutto 17 partite, segnando 3 gol e sbagliandone parecchi cosi la dirigenza rossoblu’ non lo confermo’ per la stagione successiva e venne ceduto all'Udinese nello scambio con il tedesco Herbert Neumann . L'esperienza in Friuli fu di breve durata, infatti venne ceduto prima dell'inizio della stagione 1981-1982 al Palmeiras per totale incompatibilità con l’ambiente oltre che con il clima italiano. In Brasile continuò a giochicchiare per poi appendere le scarpe al chiodo e per intraprendere un’attività nel settore del marketing e delle pubbliche relazioni. 

Tutto questo finché la tragica sera del 22 Agosto del 1988 la sua auto finì contro un camion; morirà pochi mesi dopo, per i traumi riportanti in seguito a quell’incidente. Quando a Bologna fu tenuto un minuto di raccoglimento alla sua memoria, in molti si asciugarono una lacrima. Perché i bolognesi, nonostante tutto, gli volevano molto bene ed ancora oggi si ricordano la miracolosa vittoria in trasferta al Comunale di Torino contro la Juventus dove Eneas offri’ un’ottima prestazione.

No comments:

Post a Comment